Per un nuovo internazionalismo delle donne: il Confederalismo democratico mondiale delle donne.

Il Movimento di liberazione delle donne curde ha presentato una proposta per un Confederalismo democratico mondiale delle donne per la prima volta nell’ottobre 2018 alla Conferenza internazionale delle donne a Francoforte, organizzata dalla rete “Women Weaving the Future (Donne tessendo il futuro)”, con il titolo di “Revolution in the making”. L’8 marzo il KJK (Komalên Jinên Kurdistan, Comunità delle donne del Kurdistan) ha poi rivolto il seguente appello a tutte le donne della terra.

di Meral Cicek, REPAK, Silêmanî

Il primo principio della lotta per la liberazione delle donne è l’organizzazione.

La libertà non può essere possibile senza l’organizzazione. È necessario trasformare le proteste in un’organizzazione permanente. Le condizioni in questo primo quarto del XXI secolo e le attitudini delle donne rendono la lotta per la libertà una possibile sfida. Dobbiamo quindi portare la nostra lotta a un livello più alto. Dobbiamo organizzare la nostra opposizione e organizzare la nostra lotta contro il sistema antidemocratico, dittatoriale ed egemonico. Perché se le nostre lotte non sono integrate in un’unica forma, non possiamo apportare cambiamenti in modo sufficiente. È giunto il momento di fare della rivoluzione delle donne una realtà e di trasformare il XXI secolo nell’era della libertà delle donne. Le condizioni sono più mature che mai. Come movimento di liberazione delle donne kurde, proponiamo il nome di confederalismo mondiale delle donne per l’unificazione delle lotte globali delle donne. L’obiettivo del confederalismo mondiale delle donne è migliorare l’unità della lotta delle donne preservando l’autonomia. Come organizzazioni e movimenti delle donne, dovremmo essere in grado di sviluppare attitudini comuni, superare le divisioni, definire strategie e tattiche di lotta comuni e, di fatto, cooperare e costruire meccanismi comuni. Dobbiamo discutere e definire insieme i principi e i principi dell’organizzazione necessari a questo. Il contratto sociale, che abbiamo proclamato come movimento nel 2002 e al quale stiamo lavorando nuovamente e che condivideremo presto con voi, può fornire un quadro fondamentale per questo.

Il confederalismo democratico mondiale delle donne non è ancora un concetto o programma completamente sviluppato. Piuttosto, siamo in un processo di discussione che è stato ispirato, tra le altre cose, da a) gli sviluppi degli ultimi anni in Kurdistan, in particolare il processo rivoluzionario in Rojava, la maggiore partecipazione e la partecipazione di internazionaliste in questo processo, nonché il riflessi della lotta in Kurdistan in altre parti del mondo e b) il carattere della nostra epoca, i suoi effetti sulle donne e, in questo contesto, le possibilità e la necessità storica di realizzare la rivoluzione delle donne. Inoltre, ci sono sviluppi interni del movimento di liberazione delle donne in Kurdistan, dal punto di vista ideologico, organizzativo, strutturale, politico e sociale come la scienza sociale della Jineolojî, la pratica della co-presidenza, l’organizzazione confederale del movimento delle donne. Ad esempio, la più grande organizzazione ombrello delle donne kurde ha cambiato la denominazione da KJB (Koma Jinen Bilind – Alto Consiglio delle donne) a KJK (Komalên Jinên Kurdistanê – Comunità delle donne kurde) nella sua assemblea generale straordinaria nella primavera 2014. Questo non è stato solo un cambio di nome, ma una ristrutturazione secondo il confederalismo democratico come lo ha concettualizzato Abdullah Öcalan. Di conseguenza la KJK non è solo la più grande organizzazione ombrello delle donne kurde, ma anche una struttura confederale. In altre parole, è organizzata in modo confederale.

Apprendere la democrazia

Il confederalismo democratico è un progetto politico di una democrazia a base transnazionale portatrice di una critica radicale dello Stato-Nazione. Il confederalismo democratico è quindi l’alternativa politica della modernità democratica allo Stato-Nazione della modernità capitalista. Öcalan descrive la sua funzione e il suo ruolo nel terzo volume (“Sociologia della libertà”) del suo Manifesto della civiltà democratica, in cinque volumi, tradotto così liberamente: “Il Confederalismo Democratico è la forma politica fondamentale della modernità democratica. Esprime un ruolo vitale nel lavoro di ricostruzione ed è lo strumento di politica democratica più appropriato per la costruzione di soluzioni. Il Confederalismo Democratico presenta l’alternativa della nazione democratica come il principale strumento per risolvere problemi etnici, religiosi, urbani, locali, regionali e nazionali, il cui punto di partenza è il modello sociale fascista monolitico, omogeneo, monocromatico della modernità capitalista creato dallo Stato Nazione. Nella nazione democratica, ogni etnia, ogni religione, ogni città, ogni realtà locale, regionale e nazionale ha il diritto di partecipare con una propria identità e una struttura federale democratica”.

Il Confederalismo Democratico come struttura, d’altra parte, è anche funzionale perché aiuta a smantellare il potere e il dominio e ad imparare la democrazia. Le direzioni verticali e orizzontali convergono qui. Innumerevoli entità formano un’unità organizzativa, mantenendo allo stesso tempo la propria autonomia e autonomia interna. Non sono organizzate gerarchicamente, ma rappresentano una piramide invertita nella dimensione verticale. Orizzontalmente, sono organizzate insieme ad altre entità geograficamente o secondo il loro contenuto. In pratica ciò significa, ad esempio, che un gruppo ecologista locale si organizza in confederazione con gruppi ecologisti in altri luoghi, che sono riuniti in una struttura confederale, ma allo stesso tempo è organizzato anche a livello locale con gruppi di donne, comuni, cooperative, scuole elementari, gruppi giovanili ecc. nei consigli. Questa pratica di autodeterminazione e autogestione serve a rafforzare la politica democratica, che Öcalan considera un’unità di pensiero collettivo, discussione e processo decisionale. Per lui, la politica è l’opposto dell’amministrazione statale. Secondo Öcalan, lo Stato è la negazione della società politica. La politica è il centro della ricerca di soluzioni per i problemi sociali. La democrazia, d’altra parte, richiede la società politica per esistere. La società politica, d’altra parte, è la società che si rende conto della sua libertà acquisendo potere di pensiero, determinazione e azione in aspetti essenziali della vita. Le società che non si politicizzano all’interno di questo quadro non possono né determinare il loro destino né determinarsi né democratizzarsi. Esiste quindi un legame inscindibile tra politica, libertà e democrazia. Possono esistere solo insieme.

Sulla base di questa definizione, il Confederalismo democratico globale delle donne rappresenta un modo di costruire un sistema politico di donne di tutto il mondo, il cui scopo principale è trovare soluzioni a tutte le questioni che riguardano le donne rafforzando collettivamente il loro potere di pensiero, determinazione e azione. Ciò significa che il Confederalismo globale delle donne sarebbe una struttura politica in cui le donne organizzate riflettano congiuntamente sugli attacchi patriarcali e le possibilità per la realizzazione della liberazione delle donne, si impegnino nella produzione teorico-intellettuale, facciano osservazioni, elaborino soluzioni, prendano e attuino decisioni congiunte. Non si tratta di formare una nuova organizzazione ombrello comune o un’organizzazione internazionale di donne. Ciò di cui c’è bisogno è una democrazia di base transnazionale di donne, basata su un perfetto equilibrio tra locale e globale, così come tra particolare e universale. Questo è diverso da una rete, una federazione o un sindacato, per esempio. Ma neanche sarebbe solamente un’entità slegata che si riunisce di volta in volta, discute e si allontana di nuovo. Piuttosto, abbiamo bisogno di un meccanismo attraverso il quale il potenziale intellettuale e pratico delle donne del mondo possa prendere forma a livello globale e un’efficace contromossa al patriarcato possa emergere. Nel fare ciò, dobbiamo andare oltre tutto ciò che è esistito finora, perché siamo in un momento storico. Mai prima d’ora, in 5000 anni di storia del Patriarcato, la lotta per la liberazione delle donne ha assunto un carattere così strategico, la possibilità di realizzare la rivoluzione delle donne è stata così grande.

Siamo in un momento in cui il dilemma tra luce e oscurità, giustizia e ingiustizia, liberazione e schiavitù è particolarmente evidente nello sfruttamento delle donne, ma anche nella loro accresciuta insistenza sulla loro libertà. Ecco perché nessun secolo è stato tanto favorevole quanto il XXI alla realizzazione della libertà delle donne.

Il confronto con l’internazionalismo nel XXI secolo è l’altra spinta dell’idea del confederalismo delle donne. Il movimento di liberazione delle donne in Kurdistan è stato internazionalista fin dall’inizio, perché è socialista. Anche il movimento di liberazione curdo sotto la guida del PKK. Già la sua dichiarazione di fondazione del 1978 terminò con le parole “Lunga vita all’indipendenza e all’internazionalismo proletario”. Nelle sue analisi politico-ideologiche della fine degli anni ’80 e dei primi anni ’90, Abdullah Öcalan si è occupato sempre più del socialismo e in questo contesto anche dell’internazionalismo (proletario), che lui definisce il principio fondamentale. In un’analisi [1] del gennaio 1990, descrive la dialettica dell’internazionalismo nel PKK come segue: “Mentre avanziamo nella rivoluzione curda come movimento di liberazione nazionale, gli aggiungiamo il contenuto internazionalista più essenziale. Facciamo della nostra rivoluzione un pilastro della rivoluzione turca da un lato e un pilastro stabile degli sviluppi della liberazione nazionale e democratica in Medio Oriente dall’altra. Manteniamo una posizione dalla quale la rivoluzione democratica e il socialismo in Turchia possono trarre forza, e allo stesso tempo siamo un sostegno che dà forza a una moltitudine di sviluppi democratici e nazionali di popoli più piccoli. Cosa significa? Che forniamo una risposta significativa agli sviluppi democratici e al socialismo nel mondo all’interno della nostra cornice. In questo contesto, il socialismo realizzato nel PKK è la migliore risposta agli sforzi di auto-rinnovamento del socialismo”.

La questione di un nuovo internazionalismo non è nuova.

Dagli anni ’90 in avanti, Öcalan si è sempre più preoccupato delle ragioni della fine del socialismo reale, che poi ha portato a un cambio di paradigma nel PKK dopo la fine del secolo. Nel fare questo, ha sempre incluso l’idea e la pratica dell’internazionalismo. Ad esempio, in un’analisi del 1° maggio 1993 [2] si rivolge ai vicoli ciechi con i quali il socialismo si confronta alla fine del XX secolo. Secondo lui, uno dei problemi principali è che le questioni più importanti del nostro tempo si stanno ancora esaminando con analisi del XIX secolo. Tuttavia, l’analisi della classe deve essere cambiata perché la classe operaia nella forma definita nel Manifesto comunista, per esempio, non esiste più e il capitalismo non è più soddisfatto dello sfruttamento di una classe in senso stretto. Questa età è passata. Certamente, questo tipo di sfruttamento esiste ancora, ma oggi è più onnicomprensivo perché l’intera società è intrappolata. Il capitalismo ha sviluppato metodi di rapina e oppressione che non possono essere paragonati a quelli del XIX secolo. Nella stessa analisi, Öcalan propone una nuova Internazionale e dichiara necessaria una riconcettualizzazione dell’ideologia socialista. Nel prossimo passo, l’ideologia socialista dovrebbe assumere la forma di un programma, quindi riorganizzarsi e agire.

Molti pensatori socialisti hanno affrontato questa questione negli ultimi 20-30 anni. Incluso Murray Bookchin, che nel 1993 scrisse un saggio dal titolo “Un nuovo internazionalismo”: “Dalla prospettiva della fine del XX secolo, dobbiamo certamente chiedere più di quanto l’internazionalismo abbia richiesto nel XIX secolo. Abbiamo bisogno di costruire una morale di reciprocità in cui le differenze culturali di tutte le parti servano a far progredire l’unità stessa dell’umanità – in breve, un nuovo mosaico di vivaci culture che arricchiscono le relazioni delle persone e sostengono il loro progresso, piuttosto che frammentarle e dividerle in nuove “nazionalità” e in un numero crescente di stati nazionali”.

Per il movimento delle donne kurde, la questione di un nuovo internazionalismo nel XXI secolo ha molto a che fare con il carattere del nostro tempo da una prospettiva di donne. Perché ci sembra che in questo primo quarto del XXI secolo la questione delle donne viene sempre più in primo piano come principale conflitto sociale. Abdullah Öcalan aveva dichiarato nella Giornata mondiale della donna del 1998: “Proprio come il XIX secolo è stata l’era dei partiti borghesi e il XX secolo è stata l’era dei partiti operai, il XXI secolo sarà l’era dei partiti che hanno messo al loro centro la questione delle donne”. Quanto fosse nel giusto Ocalan alla fine del XX secolo è divenuto sempre più chiaro. Non solo negli sviluppi avviati sotto il ruolo guida del movimento delle donne in Kurdistan (come l’autodifesa delle donne e la lotta contro l’IS, la partecipazione e rappresentanza in campo politico, il principio di co-presidenza), ma anche nella crescente lotta delle donne per la libertà, l’uguaglianza, la giustizia, la dignità e la pace in tutto il mondo. Forse mai prima d’ora tante donne sono scese in piazza per i loro diritti come oggi. Forse mai prima nella storia tante donne hanno apertamente espresso il loro rifiuto al sistema capitalista patriarcale al potere. Soprattutto il Nord del mondo, che ha perso molte organizzazioni femminili nel corso della liberalizzazione negli anni ’90, è in una fase di rafforzamento. Gli scioperi delle donne di quest’anno in Europa e, ad esempio, le marce delle donne negli Stati Uniti, così come le campagne come #MeToo o #TimesUp, ne sono la prova. Tra le donne a livello globale, la consapevolezza di genere diventa più forte con l’aumentare del potenziale di conflitto. Questo apre nuove possibilità per la realizzazione della liberazione delle donne. Allo stesso tempo, come movimenti organizzati delle donne, ci troviamo di fronte a una grande responsabilità derivante da una necessità storica. Il movimento delle donne kurde è convinto che il XXI secolo sarà il secolo della rivoluzione delle donne. Questo processo è già iniziato, come si può vedere chiaramente in Rojava. Ma il sistema patriarcale cerca con ogni mezzo di fermare questo processo storico. La concentrazione di attacchi misogini in tutto il mondo testimonia questo. Ecco perché è imperativo che le donne in tutto il mondo combattano insieme e quindi concentrino la loro forza collettiva. Perché solo insieme possiamo condurre una lotta efficace contro il patriarcato e quindi tutte le forme di sfruttamento e oppressione. Il sistema mondiale egemonico è fortemente organizzato di suo. Per superarlo, dobbiamo essere almeno altrettanto fortemente organizzate – se non ancora più forti.

Lottando davvero insieme

Come possiamo organizzarci come donne, come principali soggetti della rivoluzione del XXI secolo? Negli ultimi decenni ci sono stati molti tentativi di formare reti di organizzazioni di donne attraverso le quali la lotta comune può essere organizzata e condotta. Tuttavia, vediamo che i risultati non corrispondono alle esigenze e alle necessità del nostro tempo. Forse questo è anche dovuto al fatto che non sono state fatte sufficienti analisi approfondite degli ostacoli che ci si presentano davanti. Cosa ci impedisce di organizzarci e lottare insieme? Quali politiche, sociali, culturali, ideologiche, pratiche, finanziarie, ecc.? Esistono degli ostacoli? E come possiamo rimuoverli? Questi non sono punti insignificanti. Il Confederalismo democratico potrebbe essere una possibile soluzione anche qui, poiché si basa su un equilibrio ottimale tra locale e globale e allo stesso tempo promuove una politica democratica come struttura. Questo è, dopo tutto, urgentemente necessario per le lotte congiunte. Solo se è possibile superare il potere interno e le relazioni e le gerarchie di dominio si può avanzare nella lotta comune.

Un pilastro fondamentale del principio dell’internazionalismo è la solidarietà internazionale. Secondo la definizione marxista, la solidarietà internazionale riguarda anche il sostegno reciproco. L’importanza del sostegno reciproco tra i movimenti rivoluzionari, i movimenti di liberazione delle donne, i partiti socialisti di sinistra, le organizzazioni anticapitaliste, i movimenti di liberazione popolare, ecc. è fuori discussione. Ma pensiamo anche che dobbiamo muoverci di più nella direzione della lotta comune. Ovviamente c’è urgente bisogno di un sostegno reciproco nel quadro della solidarietà internazionale. Ma non è abbastanza. Piuttosto, dobbiamo trovare il modo di combattere insieme e difenderci a vicenda. Il supporto è una cosa, la difesa un’altra. La difesa fa un passo avanti, è per sua natura più radicale. Sei vicina l’una all’altra quando si tratta di supporto. Quando difendo qualcuna, mi metto tra loro e l’attaccante, se necessario. Questa è una qualità diversa. Ed è per questo che pensiamo che anche per le donne sia necessaria una rivalutazione del principio e anche del concetto di solidarietà internazionale. Il Confederalismo democratico globale delle donne sta anche per questo.

Dobbiamo affrontare circostanze e bisogni mutevoli. Riconosciamo che dobbiamo fare un ulteriore passo avanti per soddisfare queste richieste e così cambiare la nostra epoca. Crediamo fermamente che siamo in un momento storico e che solo noi donne possiamo mettere in moto una rivoluzione in grado di combattere efficacemente tutte le forme di sfruttamento e oppressione. La questione delle donne è al centro di tutte le questioni sociali. Questa realtà viene riconosciuta sempre di più. Sempre più la consapevolezza di genere e di classe delle donne in tutto il mondo si sta rafforzando. Dobbiamo usare questa grande opportunità per realizzare la rivoluzione delle donne. Ma per questo dobbiamo anche occuparci di forme di organizzazione congiunta e resistenti. Come movimento di liberazione delle donne del Kurdistan vorremmo svolgere il nostro ruolo e la nostra responsabilità cercando di mettere le nostre esperienze ideologiche, teoriche, politiche e pratiche al servizio di tutte le nostre sorelle. Pertanto, discutiamo l’idea di un Confederalismo democratico globale delle donne sia come una soluzione sia come una forma di lotta efficace, radicale e democratica delle donne del mondo contro il patriarcato. Vogliamo aprire questa discussione, che abbiamo avviato internamente, per quanto possibile. Perché anche questo è di grande importanza: che discutiamo, troviamo soluzioni, prendiamo decisioni e agiamo insieme. Solo allora potremo davvero combattere insieme.

Note:

1 – “Gerçekleşen Sosyalizmin Dönüm Noktasında Yeni Sosyalizm Arayışları Gelişir”

2 – Sosyalizmde Israr İnsan Olmakta Isrardır, Weşanên Serxwebûn, 1998

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *