Notizie da Jinwar

Con questa newsletter speriamo di essere riuscite a darvi un'idea della vita del villaggio. Naturalmente, ci sono molte cose che non abbiamo menzionato, ma che arricchiscono la nostra vita quotidiana...

Car* amic* di JINWAR,

speriamo che stiate tutt* bene e in salute! Vi auguriamo un buon inizio di primavera 2022…

Abbiamo seguito le ultime notizie e gli sviluppi riguardo al Coronavirus qui, la sua diffusione e, dopo due anni, i suoi effetti a breve e lungo termine sulle nostre vite sono ancora devastanti. Le misure prese dagli Stati, la propaganda della paura e soprattutto il distanziamento sociale lasceranno conseguenze molto profonde, simili alle cicatrici della terza guerra mondiale che qui si protrae da anni sulle spalle della popolazione. Allo stesso tempo, sappiamo quanto sia importante la vita sociale e politica, che assicura di agire in modo autoresponsabile e, oltre a tutte le misure, di agire in modo indipendente e di trovare soluzioni nel processo di costruzione di una vita equa ed ecologica. Gli esempi ci sono sia qui che là: come, ad esempio, la solidarietà tra persone nei quartieri. 

Durante l’isolamento e la solitudine causati dalle norme per fronteggiare il virus la violenza contro le donne e il numero di femminicidi sono molto aumentati. Sono soprattutto le madri a soffrire per la chiusura delle scuole o degli asili nido perché sono coloro che si devono far carico dei bambini, o sono le prime ad essere licenziate dal lavoro.

In secondo luogo, nella situazione attuale, le donne hanno poche o nessuna opportunità di uscire di casa per scambiare idee, per trovare luoghi dove riunirsi per organizzarsi. Allo stesso tempo, c’è più pressione perché le donne si facciano carico di ruoli tradizionali rispetto a prima, quando si organizzavano con altre donne dando forma alle loro vite insieme.

Negli ultimi due anni abbiamo di nuovo capito l’importanza di preservare le nostre risorse naturali e il nostro stile di vita ecologico. Questo significa costruire relazioni sane tra la natura e le persone.

Qui a Jinwar – il villaggio di donne e bambini nel nord-est della Siria – la vita va avanti. È importante che la vita vada avanti e non si fermi.

Organizziamo la nostra vita insieme e continuiamo il nostro lavoro. Anche se le condizioni sono più difficili, le frontiere continuano ad essere chiuse, l’embargo contro l’autogoverno continua, gli attacchi della Turchia e delle sue bande sono molto vicini e abbiamo avuto 121 martiri solo tre settimane fa, nell’operazione di autodifesa sociale contro l’evasione pianificata dei prigionieri dell’ISIS a Hesekê. Mentre qui come donne non sperimentiamo la violenza diretta nella nostra vita quotidiana e abbiamo l’opportunità di condividere, approfondire le nostre relazioni, pianificare e discutere come vogliamo vivere le nostre vite insieme, sentiamo il dolore di tutte le donne che stanno lottando e resistendo in molti diversi luoghi del mondo.

Qui nel villaggio di Jinwar, il consiglio si incontra ogni due settimane, discutiamo l’attuale situazione politica e i vari sviluppi nel villaggio, la nostra vita comunitaria o le prossime azioni per l’8 marzo, giorno in cui è stata posta la prima pietra di questo villaggio, cinque anni fa.

Inoltre, valutiamo il lavoro dei diversi comitati del villaggio. Discutiamo dei progressi fatti e se è necessario cambiare il nostro modo di lavorare. Con questa base noi pianifichiamo il lavoro per il prossimo periodo. Decidiamo insieme chi di noi sarà responsabile di quale lavoro nel prossimo periodo. Eleggiamo anche la portavoce del villaggio su base mensile.

Nella situazione attuale vediamo quanto sia importante costruire modi di approvvigionamento alternativi. Questo significa costruire economie locali e creare forme di autosufficienza. Più siamo coinvolte nel provvedere al nostro stesso approvvigionamento economico, meglio possiamo reagire in situazioni eccezionali. I gruppi che vivono e lavorano insieme sono quelli che possono affrontare e reagire meglio ai cambiamenti della situazione economica.

Allo stesso tempo, essere capaci di provvedere al nostro approvvigionamento significa anche essere più vicine al nostro ambiente e alla natura. Questo rafforza la nostra consapevolezza ecologica e la nostra salute.

Qui a Jinwar possiamo provvedere a noi stesse in molti modi. Abbiamo raccolto le erbe e le piante commestibili che crescono nel villaggio e nei dintorni. Inoltre, abbiamo ancora cibo essiccato e conservato dall’anno scorso. Abbiamo prodotto yogurt e formaggio con il latte delle pecore del villaggio e condiviso le uova delle nostre galline.

Più volte alla settimana cuociamo il pane nel panificio del villaggio con la farina che abbiamo macinato l’anno scorso. Quest’anno abbiamo di nuovo lavorato i campi, seminato grano e ceci, che hanno iniziato a germogliare grazie alla tanto attesa pioggia e alla poca neve caduta, e sono già verdi sotto i primi caldi raggi di sole.

I pannelli solari, installati tre anni fa, continuano a fornirci elettricità. Il nostro obiettivo è quello di rifornire l’intero villaggio di energia solare e termica. A causa della situazione attuale e dell’embargo, non siamo ancora in grado di realizzare il progetto.

La nostra scuola (dayika uveyş) da una settimana ha riaperto le porte per i bambini di Jinwar, ma anche per quelli che vengono da fuori, come parte del sistema educativo del Governo autonomo di questa regione. 

Il Centro di Salute Şîfa Jin ha curato 320 pazienti con la medicina naturale e le erbe medicinali fatte prodotte negli ultimi mesi. Principalmente donne e bambini, ma anche alcuni pazienti maschi provenienti dalla zona circostante si sono curati a Şîfa Jin.

Ora il team di Şîfa Jin ha anche l’ambulanza, che consente di muoversi dal villaggio per andare a curare i pazienti e portarli in diversi ospedali se necessario.

Oltre ai trattamenti, il centro di cura è un luogo importante per le donne, perché qui possono incontrare altre donne, scambiare idee, condividere le loro esperienze e conoscenze. E questo contribuisce a migliorare la loro salute e a farle guarire.

Con questa newsletter speriamo di essere riuscite a darvi un’idea della vita del villaggio. Naturalmente, ci sono molte cose che non abbiamo menzionato, ma che arricchiscono la nostra vita quotidiana, come i quattro bellissimi pavoni che rallegrano la vita del villaggio, i giovani agnelli, la gallina che fa le uova ogni giorno, i tanti piccoli germogli degli alberi da frutta, o i venti che soffiano da tutte le direzioni, i pupazzi di neve, l’acqua ghiacciata, le passeggiate con spesse zolle di terra sotto le scarpe nella terra fresca, rossa, umida e ricca di vitamine. Possiamo felicemente dirvi che ha piovuto – e la pioggia qui è considerata sacra dopo quasi due anni di attesa e la siccità ha creato problemi a lungo termine….

Saremmo felici di ricevere feedback, idee e suggerimenti. Scriveteci per condividere i vostri pensieri e le vostre domande con noi.

E vi auguriamo tanta forza per il prossimo periodo!

JINWAR, febbraio 2022