Leyla Güven: sarò col mio popolo finché non si otterrà la libertà

Leyla Güven, parlamentare dell'HDP di Hakkari, ha inviato un messaggio dal carcere all'agenzia JinNews.

Traduciamo da ANFNews (5 giugno 2020).

Leyla Güven, parlamentare dell’HDP di Hakkari, ha inviato un messaggio dal carcere all’agenzia JinNews: “Il momento più buio della notte è il momento più vicino al nuovo giorno. Siamo molto vicini al successo. Non siamo noi quelli in una situazione difficile” ha detto.

Leyla Güven, parlamentare dell’HDP di Hakkari, che è stata privata dell’immunità giovedì, ha inviato un messaggio dal carcere all’agenzia JinNews: “Siamo i rappresentanti di un popolo le cui identità, cultura ed esistenza sono negate” – aggiungendo – “non è facile rappresentare un popolo che sacrifica tutto per affermare la propria esistenza.”

Güven ha continuato: “Ma come donne curde, eravamo Sara a Parigi, Arin Mirkan in Rojava, Avesta Xabur in Bashur e abbiamo resistito, siamo sopravvissute. Dopo tutto, siamo le succeditrici di una tradizione di lotta. Non è necessario essere una deputata per rappresentare il popolo curdo. Continueremo la nostra lotta in tutte le aree della vita, proprio come le nostre compagne prima di noi.”

Güven ha concluso il suo messaggio con le seguenti parole: “Come donna curda do la mia parola al nostro popolo. Ci sarò in qualsiasi fase della lotta del popolo curdo per la libertà. Invio il mio amore e rispetto a tutto il nostro popolo, specialmente al popolo di Hakkari. Possano i cuori del nostro popolo essere immensi. Il momento più buio della notte è il momento più vicino al nuovo giorno. Siamo molto vicini al successo. Non siamo noi quelli in una situazione difficile.”