Lettera di solidarietà di Leyla Khaled a Leyla Güven

Lettera di Leyla Khaled, militante del Fronte popolare di liberazione della Palestina Fplp dagli anni Settanta, a Leyla Güven, parlamentare dell’Hdp (Partito democratico dei popoli, opposizione turco-curda a Erdogan) detenuta dal 22 gennaio 2018 per essersi verbalmente opposta in Turchia all’invasione di Afrin e in sciopero della fame da due mesi per la libertà di Abdullah Öcalan:

“Mia cara amica Leyla Güven.
Leyla nelle carceri dei persecutori, migliaia di calorosi saluti.
La prigione non è riuscita a soffocare la voce che è giunta fino a noi per mobilitare tutti i parlamenti del mondo al fine di soddisfare la richiesta di liberazione dei prigionieri politici, in particolare il grande rivoluzionario Abdullah Öcalan.
Nelle carceri turche e israeliane i rivoluzionari sono in sciopero della fame per la libertà e la giustizia e per fermare il sistema oppressivo che vuole spezzare la voce di coloro che vogliono democrazia.
A nome mio e a nome delle donne palestinesi dichiaro che userò la mia voce in opposizione a tutti gli attacchi contro i rivoluzionari.
Mia cara amica Leyla,
Noi sosteniamo che la persecuzione delle prigioni non continuerà. La tua pazienza e la tua lotta sconfiggeranno la fame.
Quanto più duro sarà lo sciopero della fame, tanto più onorevole sarà la tua lotta. Le persone e tutti gli amanti della libertà nel mondo rispondono con le loro azioni.
Ti bacio sulla fronte, ti tengo la mano.
Sei un modello per tutte le donne del mondo. Con la speranza della libertà …
La tua amica in lotta”

Leila Khaled

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *