Donne di Jinwar: «La resistenza continua»

Cari amici/e, compagni/e, sorelle, partecipanti alla conferenza “Gemme del Rojava”

Vi inviamo un caloroso saluto da Jinwar, il villaggio delle donne libere in Rojava/Nord Est della Siria

Come voi tutti/e sapete bene viviamo in un periodo attraversato da problemi.
La guerra di occupazione lanciata dalla Turchia e le loro forze alleate contro il Nord e l’Est della Siria sta continuando.
In barba al proclamato “cessate il fuoco” ci sono attacchi ogni giorno, migliaia di persone hanno dovuto abbandonare le loro case ed i civili sono minacciati ed uccisi. In special maniera i diritti e la libertà delle donne ne sono bersaglio.
Ciò che sta accadendo qui adesso è un esempio lampante della violenza e della guerra che le persone stanno assistendo in tutto il mondo come sintomo del sistema patriarcale capitalista e della sua attuale crisi.
Ma la resistenza delle persone è forte e come donne di Jinwar noi ne siamo parte.
Jinwar è stata costruita come uno spazio pacifico, dove donne di differente etnie e background possono vivere liberamente assieme, organizzando il loro vivere assieme e sviluppando alternative radicate nella storia, nella conoscenza e nei sogni.
Al pari dell’intera rivoluzione femminile che si sta realizzando come un processo continuo nella Siria settentrionale e orientale, Jinwar è minacciata dagli attuali attacchi.
Esiste un parallelo tra l’occupazione delle terre e l’occupazione degli spazi delle donne, dei loro corpi, menti e lavori. La colonizzazione ha sempre cercato di estendersi per soggiogare territori delle popolazioni native in ogni continente ed in questo le donne possono essere considerate la prima “colonia” nella storia.
I nostri corpi, la nostra forza, il nostro lavoro e la nostra creatività troppo spesso sono state al servizio del sistema patriarcale.
Oggi con i tentativi di occupazione turca questa politica continua.
Il potere imperialista e capitalista non è sazio, non fino a quando l’ultimo pezzo di terra diventerà per lui redditizio.
Le terre e le persone sono state divise in confini nazionali i quali sono stati tracciati per servire e proteggere gli interessi del potere.
Ogni stato nazionale ha attuato politiche di assimilazione violenta, annientando la diversità e cancellando le radici e le culture delle persone.
Come risultato di queste politiche divisive gruppi e nazioni sono state antagonizzate le une verso le altre, le connessioni sociali si sono indebolite ed a questo è seguito odio e guerra.
Per lottare contro questa frammentazione e sviluppare una società vivente basata su valori democratici occorre preservare la diversità e l’unità di questi diversi gruppi e nazioni.
Ma ovunque c’è violenza, c’è resistenza. La volontà delle donne di resistere e la nostra abilità di creare ed organizzare un’esistenza libera è più antica del patriarcato.
Le donne di tutto il mondo creano alleanze e invocano lotte comuni e alternative che rispettano la diversità. Noi donne chiediamo la pace nel mondo e vogliamo un mondo dove sia possibile vivere senza minacce quotidiane e pressioni costanti.
Un mondo dove la guerra e la mentalità e la pratica della violenza patriarcale non ha spazio.

Costruire un villaggio come Jinwar significa formulare attivamente una risposta ai problemi di potere che qui nel medio oriente ci troviamo a fronteggiare quotidianamente.
Come donne siamo in grado di sviluppare soluzioni comuni che sono radicate localmente, sostenibili, connesse alla terra e alle persone intorno.
Autorganizzazione, vita in comune, democrazia nel prendere decisioni, educazione, economia comune, ecologia, medicina naturale e cosi via sono le basi per una vita libera e dignitosa.

Noi siamo a Jinwar, anche se alcune donne e bambini hanno dovuto abbandonare il villaggio temporaneamente a causa delle minacce. Gli attacchi sono continui, stiamo supportando il lavoro dei consigli locali e dei comuni in base alle reali esigenze, stiamo partecipando ad azioni, dimostrazioni e funerali di amiche ed amici uccisi negli attacchi.
Abbiamo seminato assieme grano e orzo, raccolto gli ultimi pomodori e peperoni, raccolto melograni e olive, piantando verdure verdi per la stagione invernale. Siamo attente riguardo la situazione, le minacce e sappiamo: la resistenza è vita.
Jinwar è connesso al movimento delle donne in Rojava e nella Siria del Nord Est e cosi come alle donne in tutto il mondo. Tutte assieme stiamo resistendo agli attacchi, difendendo quello che è stato raggiunto grazie alle sforzo di tanti, lottando per la vita, la libertà e la dignità.
«: ci sono donne che resistono imbracciando un arma, ci sono donne che resistono rifiutando di abbandonare le loro terre, ci sono donne che resistono piantando giardini nonostante la guerra, nutrendo persone e ambiente, ci sono donne che resistono attraverso l’azione e l’espressione politica, attraverso la cultura e l’arte, attraverso la costruzione e la difesa della vita che vogliamo vivere.
Dalle radici della nostra storia comune abbiamo imparato che la nostra forza risiede nell’unità e nell’organizzazione. Solo assieme possiamo vincere il nemico comune che è il sistema patriarcale, le sue istituzioni e la sua oppressione.

Chiediamo a tutte le donne e le persone del mondo di unirsi a questa onda al fine di costruire una base che sia abbastanza forte da collegarci tutte in una lotta per il confederalismo democratico.
Alziamo le nostre voci insieme e con un intento comune, basato sul rispetto e sulla diversità, combattiamo il nostro comune nemico con determinazione e con la forza che ci appartiene.
Possano i nostri passi essere determinati, radicati nella convinzione che un altro mondo è possibile.
Possa la nostra resistenza essere trasportate dall’amore e dalla mutualità, un legame che sempre ci ricorderà la nostra unità e diversità nella lotta.
Possa la nostra lotta essere creativa, dando vita ad una esistenza libera e ad una società libera ogni giorno.
Con questo spirito vi auguriamo una fruttuosa conferenza

JIN JIYAN AZADI

The Council of JINWAR
Jinwar, North East Syria, 28.11.2019

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *