Appello ad osservare l’Udienza del Caso dell’HDP MP Ms. Leyla Güven

Ms. Leyla Güven, è l’unica MP ancora incarcerata nel 27esimo periodo del Parlamento turco, ed è in stato di detenzione preventiva da almeno un anno. La sua illegittima custodia cautelare continua e la quinta udienza del suo caso si terrà il 25 gennaio 2019 alle ore 10:00 presso il 9° Tribunale Penale di Diyarbakir.

Leyla Güven è stata eletta per la prima volta in Parlamento durante le elezioni del 7 giugno 2015. Dopo aver perso il proprio posto con le elezioni indette a sorpresa in data 1 novembre 2015, ha continuato il proprio attivismo attraverso l’iniziativa civica curda, Congresso Società Demoratica (DTK). Venne arrestata il 31 gennaio 2018 mentre serviva come co-presidente e da quel momento è sotto custodia cautelare nella prigione di massima sicurezza (tipo E) di Diyarbakir. Durante le scorse elezioni parlamentari del 24 giugno Leyla venne eletta come MP per Hakkari dalla prigione.

La mattina del 29 giugno 2018, il 9° Tribunale Penale di Diyarbakir emise il rilascio di Güven, per ricorso dei suoi avvocati alla Costituzione e alla legge sulle procedure Criminali poiché, in quanto MP,non poteva essere detenuta. Mentre l’amministrazione della prigione di tipo E di Diyarbakir continuava ormai da ore a ritardare illegalmente il rilascio della Güven, l’ufficio del Pubblico Ministero rigettò la decisione di rilascio da parte del Tribunale discutendo il potenziale rischio di fuga della detenuta per timore che lei potesse essere giudicata senza essere in stato di arresto. Nello stesso pomeriggio il Tribunale emise una nuova decisione in favore della detenzione sotto custodia cautelare. L’amministrazione della prigione cancellò il rilascio della Güven dopo la ricevuta verbale del mandato.

Il prolungamento della custodia cautelare della Güven include una serie di violazioni delle procedure legali. Deve essere sottolineato che l’amministrazione della prigione di Diyarbakir ha violato la legge ben due volte in questo processo:primo, non eseguendo la decisione di rilascio del Tribunale; secondo, eseguendo la propria decisione di arresto senza ricevuta scritta di avviso. Per quanto il mandato di arresto in sé sia implicato, è significativo notare che ai procuratori, in Turchia, con il recente decreto governativo di stato di emergenza, è stata concessa un’ autorità senza precedenti nell’obiezione delle decisioni del Tribunale.

In ogni caso, anche in questo stato di emergenza, le procedure legali obbligano il Tribunale a rivedere un fascicolo nella sua interezza, quando abbiano tra le mani una qualsiasi obiezione ministeriale. È praticamente impossibile che il comitato del Tribunale in questione possa aver riesaminato i file della Güven, che comprendono centinaia di pagine raccolti in quattro dossier, nel giro di poche ore (durante le quali il proprio giudice stava conducendo altre udienze per altri casi). E’ ovvio che la decisione del comitato non era basata su un controllo legale, ma su un ordine del governo.

Ms. Güven è in sciopero della fame dal 7 novembre, per protestare contro la politica di isolamento imposta ad Abdullah Öcalan nella prigione dell’isola di Imrali dal 5 aprile 2015. Questo sciopero della fame si è allargato anche ad altre prigioni della Turchia e sembra essere in continua crescita.

Vi invitiamo a partecipare all’udienza di Ms. Güven, al fine di creare consapevolezza a proposito di questo caso illegale e antidemocratico del Tribunale. In particolare ci appelliamo alle organizzazioni internazionali di donne perché partecipino a questa udienza e testimonino la politicizzazione del giudiziario contro una MP donna, e perché facciano la voce di una donna che ha dedicato la propria vita alla lotta per la libertà, l’uguaglianza e la giustizia.

Per accedere in aula, ti preghiamo di fare richiesta all’Adalet Bakanlığı Dış İlişkiler ve Avrupa Birliği Genel Müdürlüğü (Direzione Generale per la Legge Internazionale e il dipartimento delle Relazioni Estere, Dipartimento del Ministero della Giustizia).

Voi o la vostra ambasciata ad Ankara, potete mandare una mail all’ indirizzo: uhdigm@adalet.gov.tr, per ricevere l’accreditamento, mettendo in copia solidarietadonnekurde@gmail.com. I numeri di telefono della Direzione Generale sono i seguenti:
FAX: 00903122194523
Tel: 00903124148051

Non esitate a contattarci se avete delle domande o necessitate di assistenza per la sistemazione necessaria per osservare l’Udienza.

Hişyar Özsoy
Deputy Co-chair of the HDP Responsible for Foreign Affairs
Deputy for Diyarbakır

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *